“Oggi c’è la festa del patrono”.

18 logo

 – 18

D’estate qui c’è vita. Oggi c’è la festa del patrono e tra poco le vie saranno talmente affollate che non si potrà più passare.

D’inverno invece non c’è molta gente e torno a Sant’Agata, dove vivo da 50 anni.

La Sicilia nasconde tanti aspetti, solo chi ci vive li conosce tutti. E va bene così”.

***

“There’s life here in the summer. Today there’s the patron’s party, and soon the streets will be so crowded that it will no longer pass.

In winter there are not many people and I go back to Sant’Agata, where I live for 50 years.

Sicily hides many aspects, only those who live there know them all. And that’s okay“.

[“In fondo è bello però il mio Paese e io ci sto“] cit.

“Grazie a dio, a vogghia di roba che aiu”

27 logo

– 27

“Iua ca staiu benissimo. Ora nu se more chiu di fame.

Aiu tante cose, grazie a dio, a vogghia di roba che aiu. Coltivamo, avemu animali, avemu acqua.

M’attruvai una femmina a Montalbano, le mie figghiole sunu na dottoressa e na falegname. Che vogghio di chiu?

Tante cose belle signorina”.

***

“Here I’m fine. Now we do not die of hunger anymore.

Thanks God I have so many things. We cultivate, we have animals, we have water.

My wife is from Montalbano, my daughters are a doctor and a carpenter. What do I want more?

Good luck, miss”.

[“E lasciamo pezzetti di noi stessi sui paletti delle staccionate, piccoli stracci e brandelli della nostra vita“] cit.