“Vorrei fare un pellegrinaggio”

301 logo

– 301

“Quando mi hai detto “felicità” io l’ho convertita subito in “serenità“. Un giorno capirai che la felicità purtroppo non è uno stato perenne, ma è un attimo.

Adesso ho appena litigato con mio figlio e questo ha perturbato la mia serenità.

Mi piacerebbe fare un pellegrinaggio, non importa dove, ma vorrei fare un viaggio con un inizio e un fine, dove poter dire ‘ce l’ho fatta’ “.

[“Restano i sogni senza tempo, le impressioni di un momento“] cit.

“Sento il gusto della vita perché creo cose vive”

337 logo

 – 337

“Cosa mi manca? Mi manca la completa concentrazione verso le mie percezioni. Vorrei avere la totale padronanza dei sensi, tatto, gusto, vista, olfatto e udito. 

Io faccio quadri e sono musicista. Il gusto della vita lo sento perché creo cose vive. Gioco con i colori.

Io non cerco la felicità, al limite la serenità. Penso che la felicità sia un sapore che incontri un attimo per strada chissà per quale motivo. Averla come meta forse finisce con allontanarsi dalla possibilità di raggiungerla”.

[“Everyone of us has all we need
Sky of blue and sea of green
In our yellow submarine”] Cit.

 

“Quando le nostre figlie erano piccole, mettevo loro un caschetto…”

360bis

– 360

“Quello che mi manca? Mi manca sapere che le nostre figlie abbiano raggiunto un certo equilibrio lavorativo, economico e personale.

Quando erano piccole mettevo loro un caschetto, e con quel caschetto cercavo di riparare le loro cadute. Adesso vorrei averne tanti di caschetti, ma devono imparare ad alzarsi da sole“.

 

“La vita dei giovani di oggi è faticosa, sempre di corsa, in affanno. Saperle serene è la nostra serenità”.

[“È il tempo che hai perduto per la tua rosa, che reso la tua rosa così importante“] cit.