“In Turchia ho assistito a un attentato”

251 logo

 – 251

“Quella volta che eravamo a Diyarbakir in Turchia nell’87 ci siamo salvati per miracolo. C’è stato quel famoso attentato e noi stavamo dormendo nel camper a 300 metri dall’esplosione. Abbiamo sentito un gran botto, abbiamo visto la gente che scappava fuori dalle case, è stato terribile.

Un anno eravamo in Siria sulla diga dell’Eufrate. Una settimana prima c’erano stati degli attentati e la situazione era un po’ tesa. A un certo punto sono arrivate due persone vestite di blu e mi hanno chiesto i documenti. Io gli ho chiesto “Chi siete?”, ma loro non mi hanno risposto, mi hanno strappato la macchina fotografica dalle mani, mi hanno preso in due e mi hanno messo sulla camionetta, portandomi in caserma. Mia moglie non aveva mai guidato il camper, ma è saltata su e ci ha seguiti. Mia figlia ha parlato in inglese con il comandante, spiegandole che eravamo turisti. Ci sono volute 4 ore per farmi uscire.

Con mia moglie siamo sposati da 50 anni e abbiamo girato il mondo in camper, vivo di questi ricordi e vorrei poter riviverli tutti dall’inizio”.

***

“One time we were in Diyarbakir in Turkey in ’87 we were miraculously saved. There was that famous attack and we were sleeping in the camper 300 meters from the explosion. We heard a big bang, we saw people running outside the houses, it was terrible.

One year we were in Syria on the Euphrates dam. A week before there had been attacks and the situation was a bit tense. Suddenly, two people dressed in blue arrived and asked me for the documents. I asked them “Who are you?”, but they did not answer me, they ripped the camera from my hands, they put me in the truck, taking me to the barracks. My wife had never driven the camper, but she jumped up and followed us. My daughter spoke in English with the commander, explaining that we were tourists. It took me 4 hours to get me out.

With my wife we ​​have been married for 50 years and we have traveled the world with the camper, I live with these memories and I would like to be able to relive them all from the beginning”.

[“Erano tempi di parole che correvano da sole
ed era veramente amore”] cit.

“I miei genitori sono fuggiti dai russi”

338 logo

– 338

La mia famiglia è di Praga, ma sono cresciuta in Norvegia e in Germania per via dei russi, perché i miei genitori erano fuggiti

È mio marito che ha scoperto Bussana Vecchia. Una volta è andato in vacanza in Francia, dove ha incontrato un pittore che gli ha parlato di questo posto. È venuto a visitarlo quando qui era ancora disabitato dopo il terremoto. Cercavano persone per gli scavi, così lui è tornato a Vienna, si è licenziato per venire a vivere qui.

Dietro questa porta ho il laboratorio dove io lavoro l’argento e mio marito, che prima era chimico, fa le candele con i minerali.

Amo lavorare il pomeriggio o la sera, mentre al mattino mi dedico a me stessa e alla casa. Per me, ogni giorno è un regalo“.

[“Le ombre ed i fantasmi della notte
sono alberi e cespugli ancora in fiore,
sono gli occhi di una donna ancora piena d’amore”] Cit.