“La felicità a 70 anni…”

364       – 364

“Ho fatto l’insegnante per 40 anni, non ho mai faticato a trovare lavoro, avevo la scuola a due passi da casa. I miei genitori, sebbene persone semplici, hanno sempre avuto un occhio rivolto al futuro, mi hanno permesso di studiare, di viaggiare, di costruirmi la mia strada. 

La felicità a 70 anni non è la stessa di quella a 20, ma la mia serenità di oggi deriva dalle scelte che ho preso in passato.

Molte volte è anche entrata in gioco la fortuna. A partire da quella volta in cui dimenticai la valigia sul treno mentre ero diretta a Bologna. Ero scesa a Firenze per telefonare e, quando ritornai al binario, il treno era già partito. Il problema più grande era che avevo lasciato a bordo anche la valigetta dell’agenzia di viaggi per cui lavoravo in quel periodo. Destino fu che i miei dirimpettai sul vagone erano due poliziotti, i quali, non avendomi visto tornare avevano capito che avevo perso il treno. Quando mi rivolsi alla Polizia Ferroviaria mi dissero: “Signora, prenda il primo treno per Bologna, i suoi bagagli sono già là”.

Questo è un esempio sciocco, ma le coincidenze hanno contrassegnato molti momenti della mia vita, anche più seri e importanti.

Ho avuto spesso la fortuna di incontrare le persone giuste al momento giusto e, ancora una volta, è successo oggi”.

[La vita è fatta di 4 o 5 giornate che cambiano tutto quanto] cit.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...